Set 27

MuseRuole – women in experimental music


Aggiungi al tuo calendario 2018-09-27 20:30:00 2018-09-27 23:00:00 Europe/Rome MuseRuole – women in experimental music

Festival biennale dedicato alla musica di ricerca.

-

Festival biennale dedicato alla musica di ricerca.

Dove Gärtnerei Schullian Floricoltura, Via Merano 75 - Bolzano

Giovedì, 27 Settembre 2018

Orario Ore 20:30

Come arrivare

MuseRuole – women in experimental music è un festival biennale dedicato alla musica di ricerca, uno sguardo all'interno del vasto mondo dell'esplorazione musicale in cerca di una specificità di linguaggi al femminile seppure in grammatiche e percorsi differenti e individuali.

Nel corso delle sue edizioni MuseRuole – women in experimental music, ha mostrato come sia difficile e fuorviante affermare l’esistenza di percorsi univoci e allineati nella cosiddetta musica di ricerca contemporanea, che è invece un mondo estremamente complesso, un meticciato di linguaggi, di ricerche trasversali. Non una scena ma una frammentazione di esse e di percorsi individuali, nei quali è difficile generalizzare di linguaggi al femminile, ma è forse possibile individuare la specificità di singoli approcci.

Il festival si propone come una piccola antologia di musiche molto differenti che indagano le idee di composizione e improvvisazione, di forma e di work in progress. Diverse per strumentazione - dall’acustico all’elettronico - per i percorsi di provenienza e per intenzioni, le musiciste coinvolte presentano percorsi molto personali, che nella loro specificità contribuiscono alla progressione e allo sviluppo di linguaggi, discussioni e desideri comuni.

Il festival ideato e curato da Valeria Merlini e dall’Ufficio Cultura del Comune di Bolzano nel 2012, ha avuto quattro edizioni con concerti e workshop in vari luoghi della città di Bolzano. Quest’anno MuseRuole, in cooperazione col festival berlinese Heroines of Sound, viene accolto all’interno di Transart e si sviluppa lungo un percorso sonoro a tappe nello scenario suggestivo delle serre del vivaio Schullian.

Fuoco di quest’edizione è il panorama attuale nella ricerca musicale a Berlino. Les Femmes Savantes, ensemble interdisciplinare composto dalle compositrici e performer Sabine Ercklentz, Andrea Neumann, Ana-Maria Rodriguez e Ute Wassermann è rappresentativo della “Echtzeitmusik Szene” su cui nel 2011 è stato pubblicato il libro “Echtzeitmusik Berlin: Selbstbestimmung einer Szene” per la casa editrice Wolke V.-G. Le stesse artiste presentano inoltre progetti in solo, in duo e “Cinguettii /Zwitschern” una composizione per coro di voci a seguito del workshop di Ute Wassermann.

Farahnaz Hatam è un’artista sonora sperimentale molto attiva nella scena e si dedica alla sintesi sonora digitale con SuperCollider. Lavora in solo e col duo Hacklander/Hatam ed è cofondatrice e codirettrice di NK Project – spazio indipendente e non profit dedicato a progetti di sperimentazione, di avanguardia e di analisi critica. Presenta “The Mirror of Enigmas” una composizione sonora preparata in esclusiva per il festival.

La compositrice newyorkese Andrea Parkins, conosciuta per il suo approccio innovativo alla fisarmonicapresenta “Two Rooms (Variation 3)” una composizione elettroacustica per fisarmonica modificata elettronicamente, oggetti amplificati e strumenti virtuali progettati da lei stessa.

L’installazione sonora “Degradation Loops” dell’artista australiana Jasmine Guffond – pensata specificamente per le serre - si interroga sull’idea di “durata” del suono, mentre un processo di distruzione sonora è in corso tramite un’operazione di “Bit crushing” (riduzione della frequenza di campionamento di un documento audio digitale e della profondità di bit in un segnale audio digitale). Installata nelle serre prende in considerazione anche il graduale ma definitivo degrado dell’ambiente terrestre.

Oggi più di sempre il mondo della musica di ricerca è quanto mai vario e complesso da esplorare e interpretare. Il dialogo costante e intrecciato tra linguaggi un tempo distinti, se non addirittura separati, ha prodotto un meticciato denso che è una delle più forti caratteristiche delle musiche sperimentali degli ultimi decenni. In questo panorama, in cui una serie di certezze si sono sgretolate, si sono però create anche nuove specifiche zone d'indagine sulla spinta di urgenze intellettuali e di mercato. E' chiaro che i grandi cambiamenti tecnologici hanno mutato radicalmente anche un'idea di musica d'avanguardia che potesse essersi consolidata. Su molti piani. Cambiando i modi di come la si pensa, la si esegue, la si può ascoltare, perfino del come si conosce e ci si avvicina. Un'accelerazione dei tempi di riscoperta, rivalutazione e reinterpretazione di materiale – momentaneamente perso o laterale a quello che prima si sarebbe potuto ipotizzare un percorso principale – crea un meccanismo di ridefinizione costante.

Molteplici possono e devono essere i criteri e le chiavi di lettura per riuscire ad individuare le tracce importanti, quelle utili per un miglioramento collettivo.

- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

Progrmma

27.09.2018 – ore 20:30 Uhr
Gärtnerei Schullian Floricoltura
Via Merano 75
39100 - Bolzano

MUSERUOLE MEETS TRANSART

  • Jasmine Guffond > Degradation Loops
  • Andrea Neumann / Ana-Maria Rodriguez > (non) human pulsion
  • Sabine Ercklentz > Mutual friends 2
  • Farahnaz Hatam > The Mirror of Enigmas
  • Unter der Leitung von / diretto da Ute Wassermann > Zwitschern | Cinguettii
  • Andrea Parkins > Two Rooms (Variation 3)
  • Les Femmes Savantes > Hybrid / Die Form des Tages

- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

Ingresso: 15-10 €

INFO:

http://transart.it/event/museruole-meets-transart
http://museruole.tumblr.com

Heroines of Sound è gentilmente supportato da: Be Berlin, Senatskanzel, Musikfonds

- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

Biografie 59,57 kB

Commenti

Per poter commentare devi essere autenticato

Per lasciare i tuoi commenti, devi iscriverti!

© 2019 OpenAgenda - realizzato da OpenContent con OpenPA