Ott 30

A 50 ANNI DALLA PRIMAVERA DI PRAGA


Aggiungi al tuo calendario 2018-10-30 18:00:00 2018-10-30 19:30:00 Europe/Rome A 50 ANNI DALLA PRIMAVERA DI PRAGA

50 anni fa l'invasione sovietica mette fine al "socialismo dal volto umano".
Incontro con Francesco Leoncini. Modera Maurizio Ferrandi.

- Centro per la Pace marianna.montagnana@caritas.bz.it

50 anni fa l'invasione sovietica mette fine al "socialismo dal volto umano".
Incontro con Francesco Leoncini. Modera Maurizio Ferrandi.

Dove Teatro Cristallo, via Dalmazia 30, Bolzano

Martedì, 30 Ottobre 2018

Orario ore 18.00

Costo d'ingresso ingresso libero

Locandina dell'evento
Scarica il file (File application/pdf 665,52 kB)

Come arrivare

Primavera di Praga 1968

50 anni fa l'invasione sovietica mette fine al "socialismo dal volto umano".

Da liberatori dai nazisti a invasori: i tank russi invadono Praga e sorprendono la popolazione locale. Gli stessi militari russi non ne sanno molto e convinti di fare un'esercitazione si ritrovano ad occupare un 'territorio amico'. 200 persone, da una parte e dall'altra, muoiono durante gli scontri in una manovra finalizzata a stroncare le riforme del segretario generale del Partito Comunista, Alexander Dubček, e decretare la fine del tanto desiderato 'socialismo dal volto umano' che il politico cecoslovacco cercò di imprimere nel sogno della Primavera di Praga.

Ne parleremo

 

Martedì 30 ottobre

Alle ore 18.00

Presso la Sala Corto Circuito del Teatro Cristallo (via Dalmazia 30)

con Francesco Leoncini

il cui lunghissimo curriculum parla da solo: docente di Storia dell'Europa Orientale, Storia dei Paesi Slavi e Storia dell'Europa Centrale, neel 1998 ha fondato il Seminario Masaryk, che ha attualmente sede a Treviso, ha compiuto soggiorni di ricerca in Germania, Austria, Ceco-Slovacchia, é membro della Società di Studi Trentini di Scienze Storiche, della Fondazione di Storia di Vicenza, dell'Istituto per gli Incontri Culturali Mitteleuropei di Gorizia, della Deutsche Gesellschaft fuer Osteuropakunde (DGO) di Berlino, dell''Arbeitsgemeinschaft fuer die Neueste Geschichte Italiens (Saarbruecken), e molto altro.

 

A moderare l’incontro: Maurizio Ferrandi

giornalista e ricercatore storico

Il processo riformatore cecoslovacco conobbe una saldatura estremamente significativa tra morale, cultura e politica, vi era un sostrato che partiva dall’hussitismo medievale all’umanesimo di Comenio alla straordinaria lezione di tolleranza portata avanti nel periodo fra le due guerre mondiali da Tomáš G. Masaryk.

Alexander Dubček fu l’unico leader comunista che seppe porsi alla testa di un movimento di trasformazione sociale ed economica, e di rinascita democratica, estremamente partecipato. Egli seppe interpretare le aspirazioni profonde della società del suo tempo e collocarle nell’alveo di un disegno atto a superare le gravi aporie e contraddizioni che si erano manifestate nel sistema nel quale lui stesso si era formato. Lo scopo non era quello di «aggiornare» o «migliorare» il regime sovietico (il kadarismo si muoveva in questo senso), bensì di creare una forma originale di organizzazione democratica, di stampo socialista in quanto basata sui diritti sociali, al lavoro, all’abitazione, all’istruzione, alla salute, di dar vita cioè a un modello nuovo. Esso si sarebbe inserito nel solco delle grandi esperienze progressiste che si erano sviluppate in Occidente dopo la guerra: laburismo inglese, socialdemocrazia tedesca, ma anche quelle politiche derivate dal programma della Resistenza francese e dal nuovo assetto costituzionale italiano.

Commenti

Per poter commentare devi essere autenticato

Per lasciare i tuoi commenti, devi iscriverti!

© 2020 OpenAgenda - realizzato da OpenContent con OpenPA